You are using an outdated browser. For a faster, safer browsing experience, upgrade for free today.

Spello

Spello

Perché visitare SPELLO?

Perché è uno dei borghi meglio conservati in Umbria al punto da essere inserito nel club “I Borghi più belli d’Italia”.
Perché all’interno della chiesa più importante, Santa Maria Maggiore, lavorarono i due maggiori artisti umbri del XV secolo, Pietro Vannucci, detto il Perugino e soprattutto Bernardino di Betto, detto il Pinturicchio, che tra il 1497 e 1501 vi dipinse il suo “capolavoro artistico”, la Cappella Baglioni, splendidamente conservata e raffigurante l’Annunciazione, l’Adorazione dei Pastori e la Disputa al Tempio di Gesù.
Perché visitare Spello nel mese di Giugno significa assistere alla festa del Corpus Domini che dà vita alle “infiorate” più famose della regione a cui partecipa l’intera popolazione con una lunga preparazione nei mesi precedenti, durante i quali, avviene la raccolta e la cernita dei petali dei fiori che vanno poi a riempire i disegni di carattere sacro, lungo le principali strade cittadine in vista della solenne processione.
Perché si può gustare l’olio, a detta di molti, più buono della regione tanto da essere definito, l’oro di Spello e da recare in cima alla torre di Porta Consolare un ulivo, dal lontano XVI secolo.